Elisa, il sogno è realtà: la serie C femminile è salva

Non poteva esserci epilogo migliore per la stagione dell’Elisa Volley nel campionato di serie C femminile. Le ragazze allenate da Andrea Esposito hanno letteralmente gettato il cuore oltre l’ostacolo, conquistando la tanto agognata salvezza nell’unico modo possibile: conquistando cioè l’intera posta in palio nello scontro diretto del PalaFalcone contro il Centro Volley Orta. Una vittoria arrivata al termine di un match palpitante, vissuto punto a punto per almeno tre set prima del decisivo allungo nel quarto parziale, che ha avuto il merito di salvare le coronarie degli oltre duecento spettatori arrivati a Pomigliano per spingere, letteralmente, le ragazze biancazzurre verso una salvezza che solo poche giornate fa, quando i punti da recuperare erano sette, sembrava un sogno. Invece adesso quel sogno è realtà grazie al 3-1 (25-23, 24-26, 27-25, 25-16) maturato ieri. Basta leggere i parziali per capire quanto sia stata tirata la partita, con il traguardo finale che si avvicinava o si allontanava per il più piccolo dei particolari a favore o contro. Dopo un primo set vinto in volata (25-23) e un secondo perso addirittura ai vantaggi (24-26), il momento che ha deciso il campionato è arrivato in chiusura del terzo parziale. Perderlo avrebbe significato retrocessione certa, invece le ragazze di Esposito hanno stretto i denti, imponendosi a loro volta ai vantaggi (27-25). Un parziale che ha tagliato le gambe alle atellane, che hanno poi pagato nel quarto set, vinto finalmente in scioltezza (25-16) dall’Elisa, che ha chiuso così a quota 13 punti, uno in più del Centro Volley Orta.

A fine gara è iniziata la grande festa, che ha coinvolto tutti, dagli spettatori ai dirigenti, dalle ragazze al loro allenatore Andrea Esposito, che con quel filo di voce rimastogli ha cercato di commentare l’impresa delle sue allieve: «E’ fantastico – ha detto Esposito – Ci abbiamo creduto sin dal primo giorno, le ragazze hanno lavorato in palestra in maniera perfetta e raggiungere questo risultato all’ultima giornata rende tutto ancor più bello». A dare la carica alle ragazze dell’Elisa Volley è stato anche l’inatteso ma meritatissimo punto conquistato una settimana fa in casa del fortissimo Montesarchio. «Non solo quello – precisa Esposito – nel girone di ritorno abbiamo fatto davvero bene, conquistando punti preziosi anche contro altre squadre importanti. Punti che alla fine sono stati determinanti». Un girone di ritorno consistente dopo una prima parte di stagione con pochissimi punti. «E’ stato proprio all’inizio del girone di ritorno che abbiamo capito di potercela fare – rivela Esposito – perché riuscivamo a giocarcela anche contro le squadre più forti, strappando qualche set qua e là. E poi sono state fondamentali le partite in casa, perché la maggior parte dei nostri punti li abbiamo fatti al PalaFalcone». E infatti anche nella gara decisiva il PalaFalcone ci ha messo del suo, con oltre duecento tifosi che hanno creato una vera e propria bolgia, che ha aiutato le ragazze dell’Elisa a compiere l’impresa. «Un aiuto fondamentale – ammette il tecnico – Qui c’è sempre stata gente a vedere le partite, ma mai come stasera. Di questo dobbiamo ringraziare tutta la società che per questa partita decisiva ha chiamato a raccolta davvero tutti. E tutti hanno risposto presente all’appello. Ci siamo sentiti davvero coccolati e spinti dal pubblico di casa». La chiusura è un ringraziamento da parte di coach Esposito al presidente Carmine Menna e a tutta la dirigenza dell’Elisa. «Il mio è un ringraziamento sentito – spiega – perché hanno creduto in me affidandomi questa squadra di punta di una società importantissima in Campania, dandomi l’opportunità di crescere come allenatore. Ringrazio inoltre tutte le ragazze, che si sono affidate a me e, anche se sono un tecnico giovane, hanno creduto nei miei metodi e nella possibilità di portare a casa il risultato».