La storia si ripete: sabato si gioca per il riscatto

Una trasferta lunghissima e grande rammarico: sabato l'occasione per rifarsi

Errare è umano perseverare è diabolico.

La gara in terra abruzzese, a Paglieta, è apparsa come il remake della partita disputata in casa contro Casoria: stesso risultato, apparentemente netto, stesso approccio, e per diversi tratti, stessa mania di autolesionismo.

Il film della gara racconta di una trasferta infinita durata quasi 6 ore per una destinazione cui ne sarebbero bastate la metà.
Il senso di ospitalità tipico degli abruzzesi probabilmente nel freddo di Paglieta si è rintanato e il supporto richiesto per arrivare in palestra è stato rigettato al mittente, peccato…

Il secondo tempo della pellicola riguarda la pallavolo giocata: il copione del match recita di una squadra di casa coriacea e cinica e di una Elisa Volley sprecona e spesso indisciplinata.
La squadra di coach Libraro, sotto nel punteggio per molti tratti della gara, si trova a rincorrere quasi sempre riuscendo a sfiorarepiù volte la vittoria di un set.
Mettiamoci un po’ di sfortuna e qualche regalo di Natale fin troppo anticipato e arriviamo ad incassare il secondo 0-3 di fila.

Il grande rammarico sta nel fatto che da ormai 4 partite i ragazzi di patron Menna stanno dimostrando di potersela giocare, lottando ad armi pari con molte avversarie.
Manca però sempre un piccolo dettaglio: un attacco, un muro o un’intuizione per cambiare le sorti della gara.

Il rischio grande è quello di slegarsi e di smettere di credere che l’obiettivo, nonostante le sconfitte, è ancora più focalizzato e luminoso di prima.

Nella lista degli incontri mancano ancora le romane, è vero, ma più si va avanti, più si prende dimestichezza con questo campionato e si possono studiare al meglio le dirette concorrenti conoscendone pregi e difetti.

Sabato arriva a Pomigliano una Anguillara reduce da una sonora batosta patita contro i cugini della SACS, quindi per niente decisa a regalare ancora punti alle napoletane.
Limare gli errori, prendersi responsabilità (nonostante la giovane età) e giocare da squadra: la ricetta giusta per raggranellare qualche punticino.

Nessuno aveva detto fosse facile, ma noi non possiamo renderla ancor più difficile.
Never give up